Come scegliere un Security Manager?

La figura del Security Manager è sicuramente ad oggi molto controversa, sovente li confondiamo con degli sceriffi in pectore, ma partirei dal presupposto che l’azienda non è una caserma, i lavoratori non sono Ufficiali d’armata e soprattutto che il nostro proposito non è quello di sbarcare ad Omaha Beach.

In azienda la chiave per una corretta gestione della security è la coordinazione in quanto, con l’aumentare delle criticità a cui dover fare riferimento, la gestione della sicurezza deve iniziare dalla corretta mappatura dei ruoli che le diverse aree funzionali devono svolgere nella protezione degli operatori e delle strutture.

Cosa fa il Security Manager oggi

Il Security Manager di oggi deve avere la capacità di confrontarsi con un team composto da svariate figure, che convergono con una serie di altre funzioni aziendali: dal responsabile del servizio di prevenzione e protezione, al team HR, al travel manager al team IT, un vero cross functional team.

Come specificato sopra, i rischi da gestire sono molteplici ma non riguardano solo gli asset fisici: qui si tratta della sicurezza delle risorse umane, di figli, di padri di famiglia, di madri di famiglia quindi non ci possiamo affidare ad improvvisati della materia, anzi, è necessario che chiunque rivesta un ruolo di tale importanza strategica sia una figura apicale, che goda di un rapporto diretto coi vertici aziendali, che possa condividere le azioni da intraprendere, ad esempio in caso di emergenza, direttamente con il top management, senza la necessità di figure intermedie.

Il profilo del Security Manager

Il profilo più adatto può non essere più quello dell’alto ufficiale in congedo, ma è sempre più necessario dotarsi di una figura competente, dinamica, che abbia visto il mondo, abbia viaggiato molto, che goda di un network globale, non solo istituzionale, ma soprattutto culturale.

Conoscere gli usi e i costumi di un’area interessata dal business della propria azienda può risultare di fondamentale rilevanza, ad esempio, nella gestione sicura di una trasferta che potrebbe avere connotati di rischio.

Il Security Manager moderno dev’essere una figura autorevole, dotata di competenze tali da garantire la gestione complessiva del processo di security, un bravo comunicatore dotato di competenze reali, non solo formalmente certificate.

Ad oggi è oltremodo necessario, per qualsiasi security manager, avere una profonda conoscenza del funzionamento delle aziende private e familiarità con le principali dinamiche di business, quali compliance aziendale, insurance, protezione dei dati personali – GDPR Privacy, equity, costo beneficio e soprattutto comunicazione.

La scelta di dotarsi di un Security Manager deriva principalmente dal fatto che tutte le imprese possono essere esposte a numerosi rischi, che se non adeguatamente fronteggiati, potrebbero compromettere la sicurezza delle informazioni, le finanze e la reputazione dell’azienda stessa.

Il Security Manager deve essere, quindi, una figura preposta all’elaborazione di policy e procedure di prevenzione dei rischi, abile nel gestire tutto ciò che riguarda la sicurezza di un’azienda, organizzare i processi coordinando le operazioni, stabilendo adeguate misure di mitigazione del rischio, volte a proteggere e mantenere al sicuro proprietà, lavoratori, clienti e visitatori.

Ma non è tutto: il prerequisito necessario per un Security Manager all’altezza della propria funzione è sicuramente quello di essere un abile comunicatore, dotato di capacità volte a gestire eventuali momenti formativi per maestranze ed eventualmente per il Top Management.

I compiti di un security Manager

Ma, concretamente, quali sono i compiti principali – sicuramente non esaurienti – di un Security Manager?

  • Analisi e gestione dei rischi. Ovvero valutazione, analisi e gestione dei rischi aziendali;
  • Gestione Piano Security e di un Security Management System. Quindi l’Elaborazione ed attuazione del piano di security aziendale, con lo sviluppo di una Governance a supporto;
  • Sicurezza informatica. Intesa quale tutela del sistema informatico e delle informazioni digitali dell’azienda;
  • Tutela delle informazioni aziendali – Counter business intelligence. Quindi nello specifico la salvaguardia di informazioni aziendali, di dati e documenti in formato cartaceo;
  • Sicurezza nei luoghi di lavoro. Collabora con il Team HSE nella tutela della salute e sicurezza sul lavoro a garanzia del benessere dei dipendenti, tutelando quindi anche l’immagine aziendale;
  • Gestione di situazioni delicate. Quali la gestione di eventi e organizzazione di meeting con importanti Clienti, a cui dover garantire elevati standard di sicurezza;
  • In quanto nelle proprie funzioni dovrà pianificare eventi formativi per poi concretizzarli, sensibilizzando ed informando colleghi, collaboratori e le maestranze, di quali siano i protocolli di sicurezza e le policy a cui allinearsi.

Come descritto poc’anzi, il Security Manager, nello sviluppo delle proprie funzioni, avrà la necessità di interfacciarsi con numerose figure aziendali: dai responsabili di funzione, alla Direzione – top Managers, alle maestranze.

Per queste ragioni, deve possedere spiccate capacità di intrattenere alte relazioni con figure apicali dell’azienda di appartenenza e non, mantenendo comunque una certa abilità relazionale volta al confronto coi propri pari grado all’interno di un team che comprenderà più aree specifiche (come sopracitato dal team HR, al SPP, al travel manager etc), ma soprattutto dovrà avere la padronanza di interfacciarsi con il Personale trasfertista per far “digerire” concretamente i protocolli di sicurezza. Questa trasversalità nella vita professionale di un Security Manager sta a significare l’essere dotato di Soft Skills tali per cui possa essere adeguato in qualsiasi situazione e con qualsiasi interlocutore.

La drammatica lezione che stiamo imparando da questo nuovo scenario è che non possiamo affidare la nostra sicurezza e quella dei nostri operatori alla fortuna, ma a professionisti competenti.

Vistra è in grado di supportare le aziende italiane in tutto il mondo per le problematiche di Qualità, Sicurezza sul Lavoro ed Ambiente.

Se vuoi approfondire l’argomento, guarda il video.

Lior Kneazir
Autore: Lior Kneazir
Diplomato all'Israeli College for Security and Investigation di Petah Tiqwa (Israele). Dal 2012 Fondatore di Omega Consulting Group srl e CEO di Volvox srl, struttura internazionale specializzata nello sviluppo e nella pianificazione di efficaci soluzioni di sicurezza per aziende di qualsivoglia settore merceologico e infrastrutture con alta criticità.

Lascia un commento

Come possiamo aiutarti?

Chiamaci per una consulenza gratuita o inviaci una richiesta online.

Stai cercando un partner affidabile?